That’s a party?

Eccomi reduce dalla settimana di festeggiamenti in onore dei miei ANTA.
Il passaggio dai favolosi trenta ai nuovi 40 è iniziato lunedì 18, giorno in cui ho chiamato a raccolta gli amici, ho cucinato come una forsennata, ho montato ben 3 litri di panna e ho soffiato in un solo colpo tutte e quaranta le candeline. Senza ripensamenti.
Di quella serata ricordo il tremendo mal di piedi dovuto dall’estenuante maratona culinaria e organizzativa della serata iniziata all’alba del giorno prima.
Sarebbe filato tutto liscio se, uno gnomo di dueanniepocopiù non avesse attentato a quanto accadeva intorno a lui.
Senza remore.
Diabolico.
Con studiata tattica per ridurre un’anzianetta come me all’esasperazione.
Partiamo dal classico dei problemi: la nonna, Santa donna esperta nel marcare a uomo, placcare il vandalo e distrarlo con canzoncine e filastrocche (PeppaPig rules) era a letto febbricitante e delirante.
Il nonno era facilmente corruttibile nonché semplice da aggirare con sorrisini azzeccati e mossette da truffatore nato.
Il resto della famiglia era impegnato fra ufficio e scuola e non cooptabile per il babysitteraggio.
Indi per cui, la famosa cena venne preparata fra le incursioni distruttrici del mezz’uomo.
Solo per rispondere ad una telefonata di auguri mi sono giocata due litri di panna montata, volata in tutto il suo candore aldilà del tavolo dove una trepidante base al cioccolato non aspettava altro che d’essere farcita.
Magno gaudio per il cane che, devastato da tanta grazia sparsa su tutto il pavimento, ha speso la successiva mezz’ora in una sorta di estasi glicemica, leccando e guaendo di inaspettata felicita.
Rimonto la panna, butto la ciotola spaccata in due e mi metto a pulire le fragole.
Ma non c’è requiem.
La seconda vittima è un bicchiere di vetro, che lasciato incustodito sul lavandino ben si è prestato alle acrobazie volanti con tanto di atterraggio coreografico in mille frantumi.
Ora, fra un impiattaggio dell’arista e una sfornata di quiche, prendere paletta, scopa per raccogliere i cocci, passare lo straccio dov’è atterrata la panna, preparare il pranzo e il brodino caldo per la malatina, arginare fiumi di cocacola che scendono a cascata dalle scale mentre una lattina birichina rotola incustodita, vi assicuro è deleterio.
La sindrome di Cenerentola è dietro l’angolo e fra una pentola e l’altra viene spontaneo chiedersi chi te lo ha fatto fare.
Cucina, pulisci, apparecchia (manda avanti la lavatrice), prepara l’aperitivo, passa lo straccio (cambia il pannolino bombaH) sciogli la cioccolata per la ganache, frulla la crema di carciofi per la carne, fatti la doccia, fagli la doccia, (sfogati mezz’ora al telefono con la migliore delle tue migliori amiche) riemergi dalla baraonda delle baraonde truccata, vestita, e con un radioso sorriso da padrona di casa.
Arriva il marito.
Arrivano gli amici.
La casa profuma di festa e le candele sono schierate.
Tutti a tavola.
E vi prego, non fate caso alle mie ciabatte 🙂
Me le merito tutte e due.

20130325-094058.jpg

20130325-094115.jpg

Annunci
1 commento
  1. emanuela ha detto:

    complimenti! io ho una figlia sola e non sarei riuscita a fare la metà di ciò che hai fatto tu. come hai fatto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: