La vita, nascosta dal bla bla bla

20140305-205601.jpg

Dichiaro oggi la giornata del “ricominciamo”. Quarto tentativo di postare quei pensieri frettolosi che mi transitano nel cervello. Non becco l’incipit e torno indietro. Cancello. Riscrivo.

Eppure ieri sotto la doccia, avevo scritto il solito poema ironico e corredato di foto. Niente. Oggi manca l’ispirazione. Manca la musa. Manca l’idea.

Sarà questo tempo meschino che ieri ha fatto volare cose e parole un po’ a sproposito (e le parole erano tutte per La Grande Bellezza di Sorrentino) o magari il mal di testa. Potrebbe anche darsi che stia reprimendo il desiderio di scrivere qualcosa di rabbioso e arrabbiato. Qualcosa che si agita dentro da qualche mese e che so bene non migliorerebbe neanche se messo nero su bianco.

Oggi ho la sensazione lucida di essere rimasta come una povera stupida ad aspettare un treno che non passa più. Ed è una di quelle sensazioni fastidiose tipo quando ti mordi la guancia, becchi uno spigolo del letto mentre scendi di notte per fare pipi, o qualcuno ti frega il posto nella fila che doverosamente facevi.

Niente di irrimediabile, ma tremendamente irritante.

Qualcuno dei soliti amici con indole da life coacher mi ha detto di guardare a quanto mi è successo con piglio combattivo e positivo. Reinventati, fai cose che prima non facevi, scopri attitudini, placati. E vai di frasi motivazionali intrise di quel velo di sospetto tipo … beh qualcosa avrai pur fatto per meritare ciò.

Certo, qualcosa ho fatto. Ho tanto pianto. Tanto da consumarmi gli occhi. E ho tagliato fuori tutti quelli che mi ricordavano il mio passato, i sogni che rincorrevo, le delusioni che mi hanno servito al telefono, senza guanti bianchi.

Nella giornata del ricomincio, torno indietro e ripercorro i miei ultimi tre anni. Succede perché ieri, prestando una mia borsa a Miss Paturnie saltano fuori due cartelle stampa che avevo preparato per una di quelle fiere con evento che seguivo a lavoro. Lei mi dice…mamma, nella borsa c’erano due cose tue del lavoro vecchio. Le ho messe vicino al secchio dell’immondizia.

Sia mai. La carta va nel sacchetto carta. I cd vanno tolti e smaltiti correttamente. Le apro e trovo fogli e foto. Parole scritte da me. Foto seguite da me. Pensate al telefono con fotografi che sentivo quotidianamente e non sento più. E sui cd la calligrafia di quella che pensavo un’amica. Sparita anche lei, persa nella sua Milano da bere. Quella che fa il paio alla Grande Bellezza di Roma ladrona e padrona.

Ho separato carta e cd. Ho separato ricordi belli e brutti. Ho chiuso la pattumiera e mi sono messa in infusione uno dei miei tè. Uno di quelli con i fiori, e i cristalli di zucchero, le rose, i profumi del sole.

Così si fa. Ho pensato. Si smaltisce in maniera etica e corretta. Questo fanno le persone adulte.

Mio figlio fa le pernacchie. Ha imparato ieri. Le accompagna con tante bollicine. E si diverte a fare prrrr con la bocca. Il secondo suono dopo l’ormai noto “GHI”.

Forse dovrei, per imitazione, fare come lui e pernacchiare un po’ in giro. Così, in scioltezza.

Magari basta una pernacchia. Di quelle profonde, che vengono dal cuore, che sanno della goliardia beffarda di “Amici miei” e della scoperta ingenua e innocente di un figlio.
La meraviglia dei piccoli gesti per cancellare i tanti bla bla bla.
E d’improvviso la vita. Nuda, cruda, unica.
Senza nessun melaZ di rilievo e solo il futuro davanti.<a

20140305-205319.jpg

20140305-205406.jpg

20140305-205257.jpg

Annunci
2 commenti
  1. zuccazoe ha detto:

    È dura accantonare certe cose ma proprio i nostri piccoli filosofi ci insegnano a reinventarsi ogni giorno.

    • Proprio così :))) piu che loro imitare noi, a volte conviene noi, imitare loro.
      Immensamente felici per le cose che contano: puliti, nutriti, circondati dalla famiglia, per un piccolo raggio di sole che disegna ombre sul passeggino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: