Le cose che non sai

image

Noi siamo apparenza.
Tutti.
Nella realtà dei fatti.
Siamo quelli con le dita nel naso in auto.
Siamo la pinza sui capelli, la bocca impastata di sonno, il pigiama liso e corto e arrotolato, uno su, uno pure.
Siamo le mutande stinte in lavatrice che le metti comunque tanto chi te le guarda?
Siamo cassetti e armadi pieni di abiti lanciati dentro alla rinfusa.
Siamo tappi di dentifricio con lo spirito da avventuriero e rotolo di carta igienica finito quando arrivi tu.
Siamo l’asciugamano sporco come tappeto per la doccia.
La bocca attaccata al beccuccio della panna.
Siamo quelli che mollano le puzze al supermercato pensando che mai nessuno sentirà ne il rumore ne l’odore.
Siamo gli estimatori del rutto libero, sistemata in basso e grattatina con dito mignolo all’orecchio.
Per comprare i preservativi andiamo in una farmacia che non ci conosce o aspettiamo le tenebre per avventurarci al distributore.
Siamo quelli che guai a parlare di emorroidi e stitichezza ma via col dettaglio scabroso sul tumorato di turno.
Siamo quelli che foderano gli harmony perché gli fa poco intellettuale portarlo al mare e ammettere con gli appassionati di letteratura russa che ci piace una banalissima, zucherosa storiella d’amore.
Quelli che leggono 50 sfumature di grigio e vanno pure al cinema a vederlo ma se gli usi la parola “culo” davanti si formalizzano.
Siamo apparenza.
Abbiamo un cassetto con le mutande e le canottiere nuove pronte per qualche ricovero urgente.
Compriamo pantaloni che sollevano le chiappe, reggiseni che ti ritrovi le tette paro-mento e panceroni che spostano le fardelle da sotto a sopra
lasciando strabordare la ciccia da sotto le ascelle.

Nella realtà dei fatti.
Ci attacchiamo alle bottiglie.
Non ci laviamo le mani dopo la toilet, mastichiamo a bocca aperta, perforiamo ogni cavita orale con lo stuzzicadenti.

Il più delle volte scriviamo messaggi whatsapp o facebook dalla tazza del bagno e ricicliamo i regali di Natale che proprio non abbiamo digerito.

Siamo apparenza.
E l’apparenza ci serve.
Per ricordarci di non vivere sempre allo stato brado pascolando in pigiama finché non ci fa i funghi.
Per evitare che ci si abrutisca e si rischi di parlare di vaginiti, parti gemellari o unghie incarnite e purulente al primo che ci capita davanti.
Per tendere al miglioramento, a ciò che vorremmo essere e non siamo.

L’apparenza é la nostra coperta di Linus, il muro che nasconde le fragilità, che ci corazza. Che protegge ciò che per ognuno é intimo.

Non c’e nulla di sbagliato in lei.
Sbagliata é piuttosto l’idea di buttare giù il muro a picconate con la ferma convinzione di poterlo fare e con l’idea di chissà quale meraviglioso giardino sia celato dietro.

Dietro la mia apparenza c’e il resto di me.
E il resto di me é trincerata li perché nessuno più mi possa giudicare pessima, o sbagliata, o obesa, o inutile o quel che é.

Nel mio giardino segreto un’altalena dondola i miei sogni. E non c’e posto per altro che non sia amore.
.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: