Origami

image

Ph_cristianamat

Avevo sonno e sono andata a dormire. I bambini erano piazzati fra un barattolo di cioccolata e la tv. Le lavatrici stese. I danni fatti.
I sogni sono stati corti ma vivi e troppo osceni per il mio attuale stile di vita. Ho aperto gli occhi con un tremendo bruciore di stomaco e 20 anni di troppo.
Malox ovunque. Sopra sotto di lato di fianco. Malox a catinelle.
Dovrei stirare. Dovrei sistemare. Dovrei dimagrire. Ma sono diventata la regina del procrastinaggio.
Non ho voglia.
Di tirar fuori pezzi di me dai cassetti. Trovargli un posto e un ruolo.
Non ho voglia di rinunciare.
Ad un caffè troppo dolce, una crostata di ciliegie, un ricordo così dolce da piegarmi il cuore come un origami a forma di aquilone e farlo volare.
Mi nascondo benissimo.
Dietro tutto.
In mezzo alle cose e alle persone.
Mi nascondo.
E potrei sparire. Improvvisamente morire. Come Cinzia, o Maurizio, o la ragazza due file più in là di mio padre.
Credo di aver già vissuto il meglio della mia vita.
Credo di aver amato talmente tanto che ancora oggi ripensarci mi fa arrossire.
E  lavorato giornate intere. E le notti, soprattutto. Nel silenzio del buio. Della casa addormentata. Ho progettato, scritto, corretto testi, letto montagne di parole.
Ho vissuto la vita da dentro. Riscattato quel vuoto che mia madre aveva portato con un fardello. E messo al mondo dei figli come se fossi nata solo per fare quello lasciando che la vita esplodesse ovunque intorno a noi.

Cosa resta.

Il mio osteopata dice che siamo energia. Moriamo e ci ricongiungiamo ad un’energia superiore chiamata amore. Chiamata Dio. O Buddah. O universo.

Mi resta il progetto di diventare amore quindi. Di sublimarmi. Di sciogliermi nella mia essenza.

Mi resta la gioia per interposta persona. La vita felice degli altri da ammirare da dietro un vetro.
I ricordi.
Gli sguardi che non posso ricambiare.
Le parole che non ha più senso dire.

Avevo sonno e sono andata a dormire. Poi mi è salita un’emozione. Non ho dormito più.

Annunci
2 commenti
  1. paperino ha detto:

    Mi ci ritrovo. Provaci però … Non mollare…prova a gioire di quello che sei… Non per interposta persona. Riappropriati della tua vita. Tutto ce lo meritiamo.

    • Più che altro dovrei lasciare che la vita si riappropriasse di me😊

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: