archivio

Archivi giornalieri: Mag 18, 2016

image

Due amanti felici fanno un solo pane,
una sola goccia di luna nell’erba,
lascian camminando due ombre che s’uniscono,
lasciano un solo sole vuoto in un letto.
Di tutte le verità scelsero il giorno:
non s’uccisero con fili, ma con un aroma
e non spezzarono la pace né le parole.
E’ la felicità una torre trasparente.
L’aria, il vino vanno coi due amanti,
gli regala la notte i suoi petali felici,
hanno diritto a tutti i garofani.
Due amanti felici non hanno fine né morte,
nascono e muoiono più volte vivendo,
hanno l’eternità della natura

chiamami. quando meno me lo aspetto. chiamami. nel cuore della notte quando accompagno le pecore davanti all’ostacolo e le spingo per il sedere oltre, o come sorge il sole e la testa mi resta a cavallo fra la realtà e il sogno che non voglio lasciare andare.

chiamami, fammi sentire come pronunci il mio nome, come ti immagini il mio volto, quanto avevi voglia di parlare con me.

chiamami senza false illusioni, senza grandi pretese, senza ne se’ ne ma. chiamami per il piacere di chiamarmi. di scoprire. di sentirsi parte di un gioco a due che profuma di complicità e cose nuove.

chiamami perché ti manco. perché mi eviti. perché ti nascondi. perché mi pensi. perché lo so.

chiamami. ho bisogno di sorridere oggi. di una risata profonda. di leggerezza. di buttare alcune cose alle spalle incluse tutte le telefonate che ho ricevuto finora e che parlavano di tutto fuorché di te. o di me.

chiamami. non ti perdono altrimenti. faccio di te carta straccia. lancio nel cestino. non ci sei più.

Annunci